157

10 Set

“Stamattina era ancora tutta nera e blu”, dice ad un certo punto Elena, “ho paura che per la settimana prossima ancora non potrà lavorare con noi”.
“Non c’è certamente fretta”, rispondo, “così magari riusciamo anche ad insegnarle bene il lavoro”.
Elena squadra severamente Cristina.
“Stella ha ragione”, le dice, “non sarai su di un marciapiedi, ed anche i clienti saranno diversi, di maggior livello”.
Almeno lo speriamo, ma non lo dico. Dico invece che voglio anch’io farle un regalo, con il permesso di Elena, e le trascino in un negozio non particolarmente trendy, ma dove sono certa di trovare quello che cerco.
E che le sta bene: Cristina esce dal camerino dove si era chiusa con Elena con indosso camicia bianca, minigonna a portafoglio e giacca blu ad un solo bottone, tesa all’inverosimile dal suo bellissimo seno. Elena, che ha capito tutto, le ha anche tirato su in capelli in due codini da ragazzina.
Lei si guarda allo specchio, cerca una conferma nello sguardo della giovanissima commessa afflitta da un fisico molto meno statuario e poi mi abbraccia e mi schiocca due bacioni sulle guance. Potrebbe essere il gesto di affetto nei confronti di una zia giovane e simpatica, ma intanto preme il pube contro il mio mandando un messaggio ben preciso. La commessa ha visto tutto ed è diventata rossa, magari ci sta facendo un pensierino, mi viene voglia di prenderla da una parte e avvertirla che non se la può permettere.
Mi stacco da Cristina non senza fatica e con una pacca sul sedere che vorrebbe essere scherzosa la rimando a cambiarsi.
Elena mi rivolge a sua volta uno sguardo intenso, accompagnato da un significativo movimento del capo: sicuramente ha capito ed approva.
Non abbiamo finito, perché con questa tenuta ci vogliono i mocassini da collegiale statunitense, quindi le porto in un negozio di scarpe che mi sembra sufficientemente fornito; Cristina ha rimesso il tubino nero, ed un giovane commesso le si inginocchia davanti per aiutarla a calzarli, rischiando di rompersi l’osso del collo per sbirciare fra le sue lunghe cosce.

Annunci

2 Risposte to “157”

  1. solounoscoglio settembre 10, 2012 a 8:26 pm #

    cosa avete in mente? personaggi dei manga?

    • euro150 settembre 10, 2012 a 9:23 pm #

      Cristina in effetti sembra una di quelle ragazzine che piacciono ai giapponesi: non sarebbe una cattiva idea la finta trasgressione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: