182

5 Ott

Aliena sta sorvegliando la cottura della pasta, dice che mancano ancora cinque minuti, poi mi chiede se ho voglia di fare l’amore con Fabrizia. Perché, dice, si vede che lei ha voglia di fare l’amore con me.
Tanto di cappello.
Non ho mai fatto l’amore con una donna di colore, ma con un uomo sì: quando ero a Edimburgo per l’Erasmus ho passato fior di fine settimana a letto con John, che in realtà si chiamava in tutt’altro impronunciabile modo ed era l’erede di un principato tribale della Repubblica del Sud Africa, e che compensava col vigore quello che gli mancava in fantasia. Verso la fine del semestre mi chiese addirittura di raggiungerlo in Africa e diventare la sua seconda moglie, ma io detesto il caldo e declinai l’offerta. Qualche mese dopo mi mandò una mail con le foto del secondo matrimonio con una islandese bionda, che invece il caldo se lo era andato a cercare, e poi anche quella della figlia, una meravigliosa bambina color caramello con i capelli biondi ricci e gli occhi verdi. Ci scambiamo ancora gli auguri di buon compleanno, guarda un po’.
Se hai voglia, dice Aliena, per me va bene, basta che non fate troppo rumore; si scusa ma non ce la fa ancora ad aver voglia di far l’amore, anche se mi vuole tanto bene: è ancora troppo preoccupata per Irina.
Poi infila il mestolo nella pentola, pesca un fusillo e lo tiene tra le labbra: l’invito è troppo palese, la bacio e ne porto via la metà.
E’ cotta, ci siamo.
Aliena mi fa segno di tornare dalle nostre ospiti, porta lei in tavola, e mi regala un altro bacio, come se avesse qualcosa da farsi perdonare.
Mi scuso con Catia e Fabrizia e le invito ad accomodarsi a tavola. Dico poi a Fabrizia che anche lei mi piace molto e che perché no, si potrebbe anche fare, “fammi un po’ di corte, vediamo se mi convinci” concludo strizzandole l’occhio.
Aliena arriva proprio in quel momento, portando in trionfo la zuppiera con la pasta, io invito le ospiti a servirsi e vado a stappare una bonarda vivace che ho anche, ma non diciamolo a nessuno, tenuto un quarto d’ora in frigorifero e che ci mette di buon umore.
Tanto che va a finire che si parla di lavoro. Fabrizia e Catia mi spiegano che si tratta di una delle serate a prezzo di saldo che Simonetta organizza ogni tanto per i suoi amici importanti, si fa un forfait sulle tariffe e lei dimezza la sua percentuale, sono quattro signori non più giovanissimi che vogliono passare una nottata divertente.
Catia li conosce, Fabrizia no, e per questo è Catia a condurre la conversazione. Aliena ascolta sorridendo, ha spazzato via la pasta in un lampo e adesso sorseggia il vino guardandomi di sottecchi.
Allora, per prima cosa loro sono quattro e noi tre perché uno di loro non ci riesce se non divide la donna con un altro: ti pareva, poteva mancare quello un po’ maniaco.
Secondo, vogliono assolutamente la scenetta lesbo. Già, e indovina un po’ chi la farà?
Terzo, in genere si strafanno di viagra e tirano dritti fino al mattino, quindi dobbiamo stare attente a non farli stancare troppo, ad un certo punto dovremo prendere noi l’iniziativa. Magnifico, è la volta buona che mi trovo alle prese con un infarto.
Quarto, bisogna stare attente ad uno di loro, che si diverte a farti male, niente di spettacolare ma ti strizza un capezzolo, ti molla uno sculaccione, insomma vuole lasciarti un segno, e lo fa ad ognuna delle ragazze, ogni volta. E cosa significa stare attente, visto che in queste circostanze l’unico modo per non farti far male dal cliente è legarlo e imbavagliarlo?
Quinto, tra una scopata e l’altra vogliono essere serviti e riveriti, quindi toccherà a noi servire i rinfreschi, tanto per sottolineare chi comanda. Perché loro hanno soldi e potere mentre noi no, insomma, niente di diverso da quanto accade nella vita di tutti i giorni.
Sesto, dobbiamo essere ben preparate perché vogliono tutti il culo, e ripetutamente. Ed io ancora mi chiedo cosa ci trovano, gli uomini, deve essere l’idea più che la cosa in sé.

Annunci

9 Risposte to “182”

  1. dolcezzasicula ottobre 5, 2012 a 11:56 pm #

    Apperò che seratina vogliono questi uomini…. un saluto Signora dolceslave

    • euro150 ottobre 6, 2012 a 4:27 pm #

      Ognuno si diverte come preferisce

      • dolcezzasicula ottobre 7, 2012 a 2:29 pm #

        lo so Signora, la mia non era una critica ma un senso di stupore….semplicemente…un saluto Signora

      • euro150 ottobre 7, 2012 a 4:34 pm #

        Ma certo che no. E poi, se critica era, era nei confronti degli uomini, certamente non nei miei

  2. solounoscoglio ottobre 6, 2012 a 3:36 pm #

    devono pagare molti bene sti tipi con tutte ste pretese….ma molto bene, eh, mi raccomando!

    • euro150 ottobre 6, 2012 a 4:28 pm #

      Vedremo, abbiamo parlato di prezzi di saldo

      • solounoscoglio ottobre 6, 2012 a 5:20 pm #

        saldi?!?! scherzi? questo è un servizio di lusso, non si fanno mai sconti sui beni di lusso! per caso bulgari ti da 2 collier al prezzo di uno?!?

  3. Stellina ottobre 8, 2012 a 10:42 am #

    Si prospetta una serata intensa…

  4. piacere&benessere ottobre 12, 2012 a 2:39 pm #

    apperò!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: