251

12 Dic

utamaro081Adesso mi ignora ostentatamente, si è chiusa in bagno e sento andare a tutta forza il mio vecchio asciugacapelli; io ho da fare, per prima cosa devo mettermi in contatto con Catia, poi voglio sentire Elena per chiederle come sta andando il nostro progetto.
Elena, più che del progetto, mi parla di Cristina che ormai non ha quasi più lividi ma che, in assenza di vestiti nuovi, è anche meno entusiasta a letto.
Rispondo quasi senza pensarci di metterla a lavorare lasciandole i soldi, e la sento dichiarare che sono geniale, mi farà sapere, e che per la nostra società magari si rinvia un po’, ma dobbiamo farla partire.
In conclusione, mi faccio sempre più convinta che è vero, tutti abbiamo il diritto di innamorarci, per carità, ma mi sembra che Elena abbia indirizzato i propri sentimenti sulla persona meno adatta: mi auguro di sbagliarmi, naturalmente, anche perché in questa storia ho qualche responsabilità.
Mi accendo una sigaretta e chiamo Catia: nel frattempo Aliena ha finito con l’asciugacapelli e adesso gira per casa con un minuscolo asciugamano intorno alle reni e nient’altro, alla ricerca di chissà cosa.
Mi riservo di immaginare qualche ritorsione, ma prima devo fare questa chiacchierata.
Catia mi risponde subito, dice che ha passato la domenica tra letto e poltrona per riposare: ha avuto una giornata pesante in quel bordello che, a questo punto, rappresenta la sua unica fonte di entrate.
“Dieci clienti dalla mattina alla sera, Stella, e tutti con tante pretese. Michela è dovuta andar via perché ad un certo punto le sono venute le mestruazioni, sono rimasta sola, non ne potevo più”.
La conversazione non prende certamente una buona piega: mi sento in obbligo di dirle che Simonetta non è proprio contentissima di lei, e mi sento rispondere che lo sa, Simonetta l’ha chiamata e le ha dato una specie di ultimatum, o accetta di scopare anche le donne, colleghe e clienti, o è fuori: lei ha risposto che non ce la fa, conscia di quello che le sarebbe capitato.
Le racconto della chiamata di Carla, facendo un po’ la vaga su come mi ha raggiunta, e lei è subito interessata; mi chiedo come possa liberarsi da Peppe, soprattutto se quel tizio ha agganci negli apparati dello Stato, ma è una curiosità che tengo per me.
Per Catia Carla non è una sconosciuta,la ha sentita nominare da Irina e da altre colleghe, ma non la conosce di persona: mi dice che è una specialista nell’organizzare le attività di grossi bordelli, ed è apprezzata per la sua correttezza nei confronti delle ragazze; magari significa che non porta via i tre quarti dell’incasso e si accontenta della metà.
Quindi d’accordo, giovedì alle otto sarà da me, e verrà in macchina, così vedremo anche questa.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: