395

6 Mag

guttuso_le-figlie-di-loth_litografia_35x50-lightTiziana e Lorenzo devono percorrere gli ultimi metri strisciando sul ventre e tirandosi avanti con la sola forza delle braccia, gentilmente incoraggiati dai tocchi dei frustini: è questo il primo esercizio che mostriamo a Lucia e le piace tantissimo. Lorenzo arriva per primo e Tiziana paga pegno prendendosi da me due schiaffi, non forti ma molto scenografici.
Mi sono intanto resa conto che questi alberi ci offrono una interessante opportunità, grazie ai rami più bassi che sporgono dal tronco. Ma è ancora presto, quindi faccio correre Tiziana in tondo attorno a me, ginocchia alte e mani dietro la nuca, misurando la distanza col braccio teso e col frustino; Aliena fa correre Lucio nel verso opposto.
Le faccio aumentare gradualmente il ritmo e sto per ordinare lo stop quando un grugnito ed un lamento mi annunciano che Lorenzo ha perso l’equilibrio ed è rotolato per terra. Ordino a Tiziana non di fermarsi di colpo ma di rallentare gradualmente e viene molto bene: in teoria dovrebbe sembrare la ballerina di un carillon cui sta terminando la carica ma per apprezzarne l’effetto bisognerebbe essere appollaiati in cima ad uno di questi alberi.
Mentre Tiziana riprende fiato, in piedi, gambe larghe e mani dietro la schiena, Aliena si occupa di Lorenzo: gli ha messo un piede sul collo, gli ha ordinato di alzare il più possibile il culo facendo ponte senza poggiare le ginocchia a terra e gli somministra due frustate secche e precise che gli arrossano la pelle.
Bocca a terra, Lorenzo ringrazia: Aliena gli permette di alzarsi in piedi e gli ordina di mettersi accanto a Tiziana.
E adesso cominciamo a divertirci: so che Aliena è un po’ perplessa su questo passaggio, ma alla fine ha accettato la mia idea.
Sotto gli occhi attentissimi di Lucia ordiniamo agli allievi di pisciare lì dove sono: mi fa un po’ schifo Lorenzo che praticamente si piscia sui piedi nonostante le gambe divaricate, adoro guardare Tiziana che scroscia deliziosamente in mezzo alle gambe.
Con pochi secchi ordini mettiamo gli allievi a fare piegamenti sulle braccia, ognuno con la faccia nella pozza di urina dell’altro.
“Dovete farli assieme”, ordino tagliando l’aria col frustino, “al nostro via, uno su, due giù”.
“Faccia terra”, rincara Aliena, “via. Uno, due”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: