477

27 Lug

rivista_pittura_i000117Questo Mario che ha sganciato senza fiatare i cinquecento euro di marchetta richiesti a muso duro da Carla non fa una piega davanti all’arredamento della stanza e mi chiede di spogliarmi e di rimettermi per favore le scarpe. Mi fa invece i complimenti, mi dice che sono bella e, prima che possa chiedergli cosa vuole fare di preciso comincia a spogliarsi a sua volta spiegandomi con voce pacata che di BDSM ne ha piene le tasche, la sua ex era una mistress e cercava spesso di introdurre elementi di dominazione quando facevano sesso, lui accettava per farle piacere ma alla fine non ne ha potuto più.
Concordo, non deve essere un obbligo, e gli chiedo cosa gli piace.
Adesso è nudo e si mette comodo sul letto prima di rispondermi: “Comincia con la bocca, poi un po’ di pecorina e finiamo con il culo”.
Per una mezz’oretta non è un programma poi così vasto: anzi, finalmente uno che scopa alla vecchia maniera senza costringermi a faticose acrobazie. Per premiarlo, prima di mettergli il preservativo gli scocco un bacio sulla punta dell’uccello e mi accorgo che è anche molto pulito: meno male.
Comincio a darci dentro con la bocca e quasi immediatamente mi sento soffocare: è diventato enorme e mi riempie fino in fondo alla gola. Delicatamente tiro indietro la testa fino a tenerlo in bocca solo metà e ne approfitto per scoccare un’occhiata al cliente: nessuna reazione particolare, non mi ha messo le mani sulla nuca per guidarmi, e neanche mi accarezza il culo, che pure potrebbe raggiungere comodamente.
Io posso continuare così per tutto il tempo che vuole, anche perché comincio a pensare a come prendere nel culo un affare del genere soffrendo il meno possibile: non è solo questione di lubrificante, è importante anche la posizione.
Finalmente mi tocca, mi prende molto gentilmente per i capelli e mi chiede di smettere e di girarmi: meno male, almeno lo faremo sul morbido, non è uno di quelli che ti fa mettere a quattro zampe sul pavimento.
Senza troppo parere, vista la posizione, mi sputo in mano e mi bagno la fica: meno male, perché la trovo terribilmente secca e chiusa. Ora sì che posso dirgli: “Vieni amore, piano piano, è più bello”.
Deve essere abituato a scopare con cautela, perché in effetti entra molto gentilmente dentro di me e spinge a scatti, come se aspettasse una mia reazione per andare più avanti.
Quando è finalmente tutto dentro mi stringe fermamente ai fianchi e comincia a muoversi: io gli vado un po’ incontro, due o tre volte, poi smetto perché lo sento davvero troppo e mi limito a contrarre i muscoli delle cosce e delle natiche per dargli l’idea di una partecipazione. In effetti non mi ha detto se vuole che parli, mi lamenti o faccia finta di divertirmi, quindi la soluzione migliore è mantenere un dignitoso silenzio.
Però devo parlare quando estrae il cazzo dalla fica e lo punta sul buco del culo: “Aspetta amore, non così”.
Ho avuto modo di pensarci: mi sdraio sulla schiena ed alzo le gambe verso il soffitto, trattengo ancora Mario che mi vuol saltare addosso giusto il tempo di passarmi una ditata di crema tra le natiche e finalmente lo guido dentro il mio culo, dicendogli ancora di fare piano così si diverte di più.
E’ molto duro e molto grosso ma anche molto gentile, non mi fa male, neanche quando comincia a spingere.
Gli chiedo se gli piace e lui mi risponde: ”Sì, molto. Puoi lamentarti un po’, per favore, e chiedermi di smettere?”
Ovviamente lo accontento e faccio anche qualche adeguata smorfia di dolore: al secondo “ti prego, basta” strabuzza gli occhi e viene mordendosi le labbra.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: