725

1 Apr

lot029Gianna si prende cura di me, Tiziana caccia quasi fisicamente Master Sem dallo studio: sì, perché il master ha mantenuto la parola in maniera un po’ particolare.
Prima mi ha fatto tirare su per i polsi fino a farmi assumere la corretta posizione, poi mi ha tolto il plug dal culo e mi ha autorizzata a liberarmi, lì dov’ero: non me ne ero accorta, ma era stato piazzata al posto giusto una tinozza di plastica per raccogliere tutto quanto ho finalmente espulso.
Immediatamente un gran puzzo si è diffuso nella stanza ma quasi non ho fatto in tempo ad accorgermene: Master Sem, senza preavviso, ha mollato la catena e mi ha fatto cadere nella tinozza, al seguito della mia stessa merda. La tinozza era molto grossa, non ho sporcato in giro, ma potete immaginare come mi sono ridotta; mi sono ritrovata col culo nella merda e le gambe all’aria, appoggiate al bordo, così come la schiena.
Non contento, mi ha anche ordinato di girarmi e di affondare la faccia nella spaventosa e puzzolente poltiglia: poteva essere una buona occasione per dire la safeword, magari seguita da un ricco vaffanculo, ma a quel punto tanto valeva arrivare fino in fondo e così ho ancora una volta obbedito, chiedendomi quale sarebbe stata la reazione di Tiziana e di Gianna; la faccia nella merda, ho sentito molto da lontano il commento di Master Sem (“brava schiavetta, davvero”), e poi c’è stato l’intervento di Tiziana che mi ha affidata a Gianna.
La quale Gianna, incurante di ridursi come me, con tutti i vestiti addosso mi ha presa in braccio e portata in bagno, mi ha deposto delicatamente nella vasca, lavata e rilavata, e adesso mi sta massaggiando con una crema profumatissima, mentre finalmente apre bocca e mi chiede che gusto ci può provare, la gente, a pasticciare così con merda e piscio. Mi sforzo di mettere assieme qualche frase di senso compiuto ma non mi viene fuori niente, così preferisco limitarmi a dire che non ne ho idea e che a me non è mai piaciuto, Gianna mi dà ragione e senza indugio si spoglia a sua volta e mi raggiunge nella vasca: anche lei ha bisogno di lavarsi, e bisognerà anche lavare i suoi vestiti.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: