734

10 Apr

Les-nus-du-crayon-expoDecisamente più rilassato dopo essere venuto fra le tette di Tiziana, a conclusione di una lunga ed acrobatica scopata a tre, Franz ci intrattiene, finalmente, con la sua offerta. Per noi, non è il momento migliore, dal momento che io sono tutta nuda e Tiziana non ha potuto mettersi che il suo tanga da dominatrice, però riesce a trattare con la necessaria grinta.
Comunque non è una trattativa difficile: Franz ci offre cinquemila euro, vitto e alloggio per una settimana di lavoro a Berlino, spettacolo di un’ora e poi a disposizione dei clienti per altre quattro ore.
Non è tanto: le marchette vanno a parte, ma anche lui si trattiene la metà, ed i cinquemila euro sono per tutte e due; vale la pena? Forse sì, e Tiziana riesce a strappargli un acconto del venti per cento ed i biglietti aerei, andata e ritorno, e niente compagnie low cost, grazie, ci piace viaggiare comode.
In ogni caso, Franz è un ottimo venditore, e non mi sorprende che sia tanto amico di Carla, e ci riempie di storie su quanto si guadagna bene da lui, che bella clientela ha, che successo potremo avere.
Ci dice che Lalla e Maura sono durate troppo poco, dopo un mese se ne sono andate e si sono fatte assumere da un ristorante dove guadagnano un decimo di quello che valgono, e che ha davvero bisogno di due italiane belle, professionali ed affidabili, per completare la sua vastissima offerta.
Sì, perché da lui lavorano oltre cinquanta ragazze, ovviamente a turno: ci sono tedesche, naturalmente, ragazze di colore tra cui una delicatissima eritrea (e a me viene in mente Fabrizia che non vedo e non sento da un’eternità), un bel pattuglione di slave ed anche due orientali.
Purtroppo, dichiara un po’ umiliato, non è riuscito a trovare neanche una ragazza turca disposta a lavorare da lui, non sa se perché le famiglie le tengono ben chiuse in casa o perché non sono sufficientemente troie, magari per via della religione.
Riesco a non rispondergli come si merita e ci lasciamo con una cameratesca stretta di mano: sulla porta, mi viene voglia di mettermi sull’attenti e gridare “Sieg Heil!”, Tiziana si accorge che sto per combinare un guaio e mi trascina fuori quasi di peso, meno male che non mi ha tirata per il guinzaglio.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: