769

15 Mag

Emile_Baes___(Belgian,_1879_-_1954)_4Insomma, i nostri soldi ce li siamo guadagnati davvero, anche se stavolta non abbiamo preso frustate e non ci hanno pisciato addosso.
Abbiamo ripetutamente premiato e punito i nostro cagnolini, potete bene immaginare come, ed al mattino siamo stanche quasi come loro: Andrea, che è più pesante e meno agile di me, alla fine è addirittura inciampata, anche per colpa degli stivali, cadendo rovinosamente; il pelato ne ha subito approfittato per saltarle addosso.

 

 


Neanche si fossero messi d’accordo, anche l’occhialuto ha cominciato a tirare il guinzaglio a rischio davvero di farsi male: insomma, volevano giocare alle tigri che sbranano il domatore, ma questo non potevo permetterlo, perché si vedeva benissimo che il pelato stava un po’ esagerando, quindi ho prima urlato qualcosa come “sitten”, che mi suonava come deformazione abbastanza tedesca dell’imperativo inglese, poi gli ho rifilato qualche frustata abbastanza sonora ed alla fine l’ho consolato. Sì, perché anche lui era bello dritto e pronto, dopo essere stato ripetutamente da me servito di barba e capelli con le mani, la bocca e la fica, e così l’ho fatto sdraiare sulla schiena e l’ho cavalcato fino a schiantarlo definitivamente, gli occhi fissi su Andrea che a metà dell’assalto è riuscita a ribaltare la situazione inchiodando il pelato faccia a terra, si è seduta sulla sua schiena e lo ha lungamente sodomizzato con il manico del frustino prima, con tre dita poi.
Pierluigi ci ha trovati ancora così, anche se l’occhialuto si era finalmente svuotato ed io avevo preso a toccarlo non troppo gentilmente sui capezzoli con la punta del frustino, anche stavolta recando gli accappatoi candidi che mi sembrano un marchio di fabbrica di questa casa, per accompagnarci prima nel bagno e poi nella saletta della prima colazione che già avevo conosciuto con Irina; per Andrea era una novità che ha apprezzato con gridolini di entusiasmo, sia la vasca con l’idromassaggio, prima, che, poi, la ricca colazione compitamente servitaci da Pierluigi, che ha recuperato anche stamattina il perfetto aplomb che ci si aspetta da un esperto maggiordomo. Anche stavolta, neanche un accenno a quando, dopo aver messo alla catena pelato e occhialuto, ci siamo occupate di lui e lo abbiamo tenuto per una mezz’oretta sulla corda stuzzicandolo a turno con le dita e le labbra prima che Andrea decidesse che ne aveva avuto abbastanza e lo ho fatto venire fra le sue tette, decisamente più accoglienti delle mie.
Ma stamattina c’è una novità: spingendo l’attaccapanni che regge i nostri abiti arrivano il pelato e l’occhialuto, anche loro in accappatoio e con l’espressione palesemente soddisfatta; ci siamo meritate non solo il bonus come la volta scorsa, e come la volta scorsa decorosamente racchiuso in una borsetta particolarmente costosa, ma anche i complimenti fatti di persona, ed in un contesto meno sgradevole della precedente occasione, quando Irina ed io eravamo ancora incatenate e grondanti piscio.
Nessuna promessa di chiamarci di nuovo, però; forse si sono convinti che la nostra creatività sia ormai esaurita. In qualche modo mi dispiace; Andrea è ancora persa nella contemplazione delle fruscianti banconote verdi ma io posso almeno provare: non con i padroni di casa ma con il maggiordomo.
“E lei, si è divertito anche stanotte, non è vero?”, gli chiedo mentre percorriamo un altro degli innumerevoli corridoi di questo palazzo.
Incredibilmente, china il capo come se si vergognasse, prima di rispondere con un “sì” quasi sussurrato.
“Peccato che i signori non mi siano sembrati dell’idea di chiamarci di nuovo, l’altra volta ce lo avevano promesso, stamattina invece…” e lascio la frase in sospeso.
Pierluigi si ferma, si volta e mi fissa a lungo, prima di rispondere.
“Se non si ricorderanno di lei, signorina, ci penserò io”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: