782

28 Mag

Franz_von_Stuck_Il_bacio_della_Sfinge_1Luca e Mirella sono andati via mano nella mano: lui è troppo più giovane di lei per non poter essere altro che un toy boy, ma al momento sembrano felici.
Michelle molto meno. Siede rigidamente, rifiuta da bere e mi dice gelida che non vuole più essere coinvolta in storie di questo tipo.
“Mi piaci, ti voglio bene, e per questo te lo dico ancora una volta: bada ai fatti tuoi e basta, per favore. Nel tuo stesso interesse.”.
Pare che Mirella sia una mistress dalla mano parecchio pesante, e soprattutto con una marcata preferenza per il breath control ed altri giochi estremi: Luca si deve essere reso conto che si era messo nelle mani di una Padrona esperta, Michelle è estranea all’ambiente ed ha visto solo la violenza ed il dolore.
“Lo aveva legato faccia al muro a quella specie di croce storta, e credo lo avesse frustato per tutto il tempo in cui noi abbiamo scopato, aveva il culo che gli sanguinava, ma quando ci ha sentite entrare nella stanza ha detto chiaramente: bentornata, mia signora”.
Un sub davvero bravissimo, insomma.

 


“Io pensavo che volesse vedere mentre lo inculavo, ma mi ha ordinato di inginocchiarmi, incrociare i polsi dietro la schiena e restare ferma e zitta, poi ha preso una corda e l’ha messo attorno al collo di Luca, e ha cominciato a stringere. Io vedevo che più stringeva, più a lui si drizzava il cazzo, ma avevo una paura fottuta”.
Sia chiaro, io odio queste pratiche ma ammiro incondizionatamente chi è disposto a sottomettercisi ed anche chi ha il sangue freddo di quasi strangolare il partner: già, perché devi stare attenta, se ti piace troppo stringere rischi sempre di non fermarti al momento giusto.
“Mi sembrava non finisse mai, ma ad un certo punto lo ha lasciato respirare e lui è venuto proprio in quell’istante. Non troverai la macchia sul muro perché lei lo ha liberato, lo ha fatto mettere a quattro zampe e gli ordinato di ripulire bene tutto con la lingua, e intanto lo frustava di nuovo sulla schiena”.
Mi sembra il minimo, se non gli aveva dato il permesso di venire: solo che così impegnato non poteva contare, e insomma Mirella mi lascia sempre più perplessa, ma ognuno interpreta il BDSM come preferisce.
“Alla fine, lo ha di nuovo legato alla croce, ma stavolta a faccia in avanti, gli ha attaccato delle pinzette ai capezzoli e all’uccello si è piazzata in piedi davanti a lui, a gambe larghe, si è infilata un cazzo di vetro dentro e ha fatto avanti e indietro fino a venire. Ci ha messo un attimo, poi mi ha ordinato di leccarla e mentre lo facevo è venuta un’altra volta”.
Alla fine, insomma, ha trasformato Luca in cuckhold: creativa, ma non vorrei essere nelle sue mani. Per fortuna non ha fatto del male a Michelle.
“Guarda, non voglio più vederla. O forse sì”, conclude, “mi piacerebbe legarla a quella croce e sfondarla in tutti i buchi”.
Michelle si è sfogata, io mi sono eccitata, quindi quello che devo dire è chiaro: “Mirella è andata via ma io sono qui, fallo a me, ti prego”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: