832

17 Lug

daniil-kontorovich-aka-tertius-alio-3-360x540_thumbLa cena non è andata bene, è andata benissimo.
Il fratellone si è presentato con due bottiglie di Gewürztraminer alsaziano che più che bere si doveva mangiare e due di uno sconosciuto moscato d’Asti che si è dimostrato l’ideale per accompagnare un enorme panettone artigianale che profumava di burro e spezie, Lilli non ha avuto bisogno di passare da casa, ha guidato con sicura competenza la Ural e ho scoperto che si era portata un abito quasi da sera nel quale faceva un figurone, Paolo si è dimostrato tutto il contrario di un nerd ed ha saputo chiacchierare amabilmente e con competenza anche di altro e non solo di internet e, per concludere, Cristina è stata gentile e modesta quanto possibile e non ha civettato più di tanto con i commensali; probabilmente si è resa conto che Maria Carla, con indosso un abituccio attillato che metteva in mostra il pancino appena un po’ sporgente, le avrebbe cavato gli occhi se appena gliene avesse fornito un motivo e che Paolo non aveva occhi che per la sua ragazza.

 


Io poi ho fatto anche in tempo a farla, quella famosa doccia, prima di indossare il vestito da puttana, ormai un po’ frusto e decisamente fuori stagione, avendo regalato a Cristina il tubino nero che la ragazza sfoggiava felice, dopo aver accettato di mettere un reggiseno che un po’ mortificava le sue tette e soprattutto le mie mutandine più grandi, che le impedivano, ogni volta che si muoveva, di mostrare la fica che si era appena depilata.
Abbiamo mangiato a quattro palmenti, ognuno per ragioni diverse: sì, era venuto tutto molto bene, ma io ero stanchissima e un po’ preoccupata, Lilli eccitata, Cristina abbastanza frustrata, Paolo allegro anche grazie al bicchierino di vodka gelata che si era scolato come aperitivo, Maria Carla felice ed il fratellone perplesso.
La sua perplessità me la ha espressa dopo il brindisi di mezzanotte, quando mi ha trascinata sul balconcino con la scusa di dividerci un mezzo toscano senza dare fastidio agli altri; con un gesto che gli è consueto mi ha messo sulle spalle la sua giacca e mi ha chiesto, sbuffando fumo bianco nella notte fattasi improvvisamente gelida, cosa stavo rimuginando.
“Non è perché hai voglia di quella biondina, questo è chiarissimo: si vede che sei preoccupata”.
Al fratellone non potevo mentire: insomma, non sono tagliata per le operazioni sotto copertura, quindi ho aperto bocca e gli ho raccontato della mia missione segreta prevista per la settimana successiva.
Più parlavo, più tirava dal sigaro, dimenticandosi di passarmelo, come io dimenticavo di chiedergli di fare almeno un tiro.
Niente chiacchiere, niente domande inutili; alla fine solo poche parole: “Conosco il posto, praticamente un megascannatoio di alta classe, non ce n’è uno che ci vada con la moglie o la fidanzata, e non ce n’è uno che valga meno di un paio di decine di milioni, tra i clienti. Non ti preoccupare, non sarai sola”.
E siccome le parole sono importanti, mi è stato subito chiaro che ci sarebbe stato anche lui: non sono rimasta sorpresa se non dalla scoperta di quanti soldi sia stato capace di mettere assieme in meno di una quindicina di anni di lavoro.
Solo a quel punto mi sono fatta passare il mezzo toscano, ho dato un paio di boccate e gli ho fatto segno che era ora di tornare dagli ospiti.
Per il resto della serata ed anche dopo, a letto con Cristina che ha sfogato la sua voglia trattandomi come una puttana per il suo piacere, ho fatto non poca fatica ad evitare di scoppiare a ridere pensando a Maria Carla: avrebbe accettato di lasciare andare il suo uomo con un’altra al veglione di capodanno o si sarebbe travestita da escort?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: