843

28 Lug

1132943364bInsomma, comincio a lavorare qui prima ancora del previsto, e meno male che riesco a mandare un messaggio a Paola, che immagino di guardia da qualche parte, qui fuori, magari perplessa e preoccupata perché non mi vede uscire.
Dal momento che Milena deve lavorare fino a tardi, secondo le sagge regole di Cristian non può prendere altri clienti, mi dicono le ragazze; tutto il peso del pomeriggio ricade quindi sulle spalle, per così dire, di Tatiana: che tra una marchetta e l’altra, con Milena che mastica svogliatamente una gomma dall’odore orribile ma che la aiuta a conservare candidi i suoi denti da piccolo animale da preda, ha anche il tempo di spiegarmi più diffusamente perché si vergogna tanto da mettersi a piangere ogni volta. “Colpa di queste”, dice toccandosi le tette che riempiono mirabilmente la canotta ormai un po’ stropicciata, “porci prima non credono io piccola, come dici tu minorenne, quando convinti dicono ah sì, slave nate per fare troie”.
Quando poi riceve un ragazzotto frettoloso e noi ci siamo rifugiate in uno sgabuzzino che era, molto probabilmente, un cucinotto, Milena mi confida che Tatiana è proprio una troia e che Cristian la ha usata per sedurre lei e che la prima volta hanno fatto sesso a tre e, infine, Cristian ha i videoclip di tutte le ragazze e che Ilary sono mesi che minaccia di piantarlo ma non lo farà mai: la sua è una famiglia molto in vista, ha uno zio parlamentare, pensate un po’ vedere su Yotube la nipotina che si scopa due uomini alla volta, uomini dell’età di suo padre, poi.

 


“A Ilary piace molto un cazzo in bocca e un cazzo in culo assieme, si diverte quando lavora così. Stasera mi riposerò, vedrai”.
E Milena sembra l’unica in grado di fare fesso Cristian; almeno ha le idee chiarissime. Si scioglie definitivamente e cambia la sua precedente versione.
“Io ovviamente fingo: fingo che mi piaccia scoparlo, fingo di essere innamorata, fingerò di soffrire quando si troverà una nuova fidanzata, pensa che ha già puntato la mia compagna di banco e sono solo tre mesi che stiamo assieme. Ma adesso mi servono i soldi, io voglio studiare l’inglese e davvero andare in America, studiare cinema a New York e fare carriera lì, e intendo carriera vera, non quella fatta solo con la fica e col culo. Che poi a me il sesso non piace proprio, mi sono sverginata da sola con un vibratore e continuo a divertirmi solo a quel modo”.
Sembra che la sparizione delle altre ragazzine sia un segreto di Pulcinella, insomma, ma proprio sul più bello arriva Ilary che mi dedica un’occhiataccia e si precipita in bagno, l’ultimo cliente va via e ritorna anche Cristian mentre sto aiutando Tatiana a rendersi presentabile, dal momento che si trattava di un vecchietto che se ne è venuto addirittura mentre le metteva il preservativo sull’uccello floscio e grinzoso e la ha sporcata dappertutto con uno spruzzo di insospettabile vigore e per tutto ringraziamento le ha mollato uno schiaffone di cui porta ancora il segno rosso sulla guancia, accompagnandolo con la minaccia di lamentarsi con quel suo amico che gli ha cantato le lodi di queste ragazze ed invece lo ha mandato da un incapace puttana extracomunitaria.
Tatiana si riprende quasi miracolosamente alla vista del suo ex fidanzato ed attuale sfruttatore, ma Cristian è qui prima di tutto per lavorare.
Sottopone ad una ispezione degna del sottufficiale istruttore di “Full Metal Jacket” Ilary e Milena, che sono già in uniforme da lolita e manca poco si mettano sull’attenti: ha qualcosa da dire sulle incongrue decolté leopardate della prima, ammira con un cenno i sandaletti della seconda e dà loro la sua benedizione, sotto forma di due banconote da cinquanta euro per il tassì. Poi sussurra all’orecchio di Milena l’indirizzo e mi prega di chiamare un radiotaxi: giusto, meglio il mio telefonino del suo, se deve essere collegato a questa marchetta.

Annunci

Una Risposta to “843”

  1. Harrison Fiat luglio 29, 2014 a 9:04 am #

    alla fine fingiamo tutti…
    chi piu chi meno..
    si chiama vita

    Risposta:
    Proprio così

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: