848

2 Ago

Master-Canes-Female-SlaveNon mi sono accontentata: ho sottomesso Paola per tutta la notte, sotto gli occhi di Sara e Cristina che nel frattempo si sono cercate spesso e con maggiore gentilezza, beandomi della sua docilità. Quando ho preso a tormentarle i seni e la fica con le mollette per il bucato l’ho sentita venire, così come è di nuovo venuta mentre la sodomizzavo con una candela e quando, con la stessa candela, le ho ricoperto la schiena e le natiche di cera bollente.
E’ venuta anche, e me ne sono accorta con soddisfazione, alla conclusione della nottata, quando le ho finalmente pisciato addosso e poi mi sono fatta finalmente leccare la fica a lungo, per il mio piacere della buonanotte.
Ancora ammanettata, l’ho affidata prima a Sara che la ha lavata con gentilezza e poi a Cristina che con una spazzola ruvida le ha tolto la cera di dosso: alla fine di questo trattamento mi è sembrato che sia venuta di nuovo; ancora ammanettata l’ho fatta sdraiare sul letto, pancia in giù, e l’ho accarezzata tra le cosce per farla finalmente rilassare e, ancora ammanettata, si è addormentata, la gambe spalancate e la fica meravigliosamente aperta.

 


A quel punto ho raggiunto Sara e Cristina solo per trovarle impegnate in uno spettacolare sessantanove sul freddo pavimento di marmo dello studio: non era certamente il caso di interromperle, così com’ero, nuda, sudata, ancora con il frustino appeso al polso, mi sono accomodata in poltrona ed ho atteso che arrivassero alla conclusione mettendo un po’ d’ordine tra le mie sensazioni ed i miei sentimenti.
I suoni emessi da due donne così felicemente occupate, così come gli armoniosi movimenti dei loro corpi, mi hanno incredibilmente aiutata a concentrarmi: insomma, loro sono arrivate alla gioiosa conclusione ed io ho deciso che queste serate dovremo rifarle, e che la prossima volta toccherà a Sara essere ammanettata, frustata e sottomessa, e che no, non accetterò l’invito di Lilli e non andrò a letto con lei ed il suo fidanzato, e se è per questo neanche con lei da sola; alla prima occasione, però, con Cristina rimorchieremo un uomo appena sopportabile e gli faremo passare una notte da sogno o forse da incubo, lo strizzeremo per il suo ed il nostro piacere, e poi spariremo dalla sua vita.
Così, serena e soddisfatta di me, ho ricevuto l’abbraccio di Cristina e di Sara e così come eravamo siamo andate a stringerci sul letto per risvegliarci abbracciate sotto gli occhi adoranti di Paola, che non ha voluto essere liberata se non dopo aver fatto godere Sara ed averne assaporato la fica ancora intrisa dei piaceri precedenti e della saliva di Cristina.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: