854

8 Ago

img1551Cristian mi aspetta incazzato nero davanti allo studio; vuole sapere perché siamo sparite, cosa abbiamo combinato, dove siamo andate, e soprattutto perché non lo abbiamo aspettato.
Io non sono dell’umore adatto: ieri sera Lilli mi ha letteralmente estorto la promessa di una cena a quattro con Paolo e Cristina con annessa scopata del dopocena, e poi Cristina mi ha messo il broncio e si è girata dall’altra parte quando le ho chiesto due carezze perché non ho voluto andare in pizzeria ma ho preferito restare a casa.
Quindi gli racconto molto freddamente come è andata la faccenda ed ottengo il risultato di fargli passare l’incazzatura e di lasciar sbollire il mio nervosismo.
“Bisognerà convincere Ilary, se il dottore la vuole di nuovo dovrà accontentarlo, e anche tu devi fartene una ragione, non posso dirgli di no”, conclude; per fortuna pare che si presenti non più di una volta al mese, abbiamo comunque un bel po’ di tempo per elaborare la cosa.

 


Oggi si preannuncia un pomeriggio pieno, aggiunge Cristian tornando a parlare di affari, tutti quelli che abbiamo mandato in bianco ieri si presenteranno ancora più allupati: ha richiamato in servizio le tre ragazze contemporaneamente, ed io dovrò fare molta attenzione a far rispettare gli orari e ad evitare che i clienti si incontrino; mi passa un mezzo foglio di quaderno con l’elenco degli appuntamenti, orario e nomi, o meglio nomignoli come “il lungo”, “il vecchietto”, “il biondo” e, per concludere, “lo stronzo”. Ne farò una copia, mi dico, vedendo che i tempi sono particolarmente serrati e che arriverà un cliente ogni venti minuti.
Accanto ad ogni nome c’è l’iniziale di una delle ragazze, e mi rendo conto che per Ilary oggi non ci sarà un momento di riposo, e sì che ne avrebbe bisogno. Provo a farlo notare a Cristian, che liquida la faccenda con un gesto noncurante.
“Fa parte del tuo lavoro”, conclude, “falla stare tranquilla, questi li conosce tutti, è gente che non crea problemi. L’unico cliente nuovo di oggi è questo qui, lo stronzo, che mi ha chiamato stamattina su skype ed ha insistito per un appuntamento, lo ho dato a Tatiana, mi ha chiesto una vera troia che non fosse italiana: dille che deve far finta di godere, ma solo alla fine, ed usare tutte le parolacce che conosce”.
Lui se ne va di corsa, ricordandomi sulla porta di tenere d’occhio l’orologio, ed io non ho altro da fare che mettere un po’ in ordine il salotto e controllare che i letti siano a posto, i preservativi in abbondanza ed il bagno pulito, prima che arrivino le ragazze; alzo anche di un paio di gradi il termostato, oggi qui dentro fa davvero freddo, in una giornata come questa, con qualcosa come venti marchette in programma, Cristian si può permettere di spendere qualcosa in più per il gas.
Faccio anche in tempo a scattare una foto della lista ed a mandarla via mail a Paola, un attimo prima che Milena, puntualissima, si presenti per prima al lavoro: probabilmente Cristian la ha avvertita che il primo appuntamento è per lei.
Si cambia in fretta e mi accorgo che gli abiti da lavoro delle ragazze dovrebbero essere lavati, i pantaloncini che sta indossando hanno qualche macchia sospetta ed un profumino niente affatto invitante, la maglietta è stazzonata e non proprio bianchissima.
“Io non ho nessuna voglia di lavarli e non posso portarli a casa, e comunque nessuno si è mai lamentato, se ti va pensaci tu”.
Rapida ispezione ai cassetti: anche le tenute di Ilary e Tatiana sono in pessime condizioni; e sia, alla prima occasione mi porto tutto a casa, lavo al volo, stendo prima di andare a dormire e speriamo che il mattino dopo si sia asciugato tutto. Questa è una cosa di cui Carla non mi ha mai parlato, ma è ovvio che una maitresse debba occuparsi proprio di tutto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: