874

28 Ago

vintage-spanking-07Concludo il mio racconto quando siamo ancora sulla Laurentina. Paola non ha avuto alcuna reazione, ma sono certa che ha ascoltato attentamente e non ha perso neanche una parola.
Un attimo di silenzio, poi Milena che dice che a lei è andato tutto bene, tranne un tizio che mentre la prendeva a pecorina la ha riempita di botte.
Nel buio, proprio dietro le mie orecchie, Ilary sibila che sono arrivati in due, uno la teneva e l’altro la bastonava con qualcosa che le ha fatto un male del diavolo, più lei piangeva e pregava di smettere più loro picchiavano, e alla fine si sono sbrigati in cinque minuti, ma ha sentito tanto dolore e Cristian questa la paga, sa già cosa deve fare.
“Potremo parlare di questo domani mattina”, dico, e immediatamente me ne pento: bisogna sempre battere il ferro quando è caldo, se Ilary è così incazzata potrebbe finalmente avere voglia di dirci qualcosa di utile per le indagini di Paola.

 


Anche perché stanotte è stato lo spartiacque: no, grazie, basta così, non ce la faccio più a fare sia la puttana che l’agente segreto.
Poi penso a quello che ho sentito dal pelato e dall’occhialuto, la festa a tema, e mi dico che magari, un’ultima volta, se mi chiamano perché no? E mi piacerebbe parlare con Pierluigi, che potrebbe spiegarmi parecchie cose e che forse non è stato contento del suo ruolo. Insomma, non posso smettere proprio adesso.
“Parliamo subito, invece”, dice Milena strappandomi alle mie fantasie, “cosa vorresti da lui, mica è colpa sua se ti hanno ridotta così. Pensa che non avrei neanche dovuto esserci, era il turno di Tatiana che magari ci si sarebbe anche divertita, e invece scommetto che adesso sono a letto assieme. Ma io non ce l’ho con lui, è lavoro, non poteva immaginare, questa gente noi non l’avevamo mai vista”.
Io invece sì, penso, e forse potevo pensarci meglio.
“Cristian”, sbotta Ilary, “qualcosa si doveva aspettare, e ne pagherà le conseguenze”.
A me veramente piacerebbe che domani Paola e Lilli bussassero alla porta dello studio e se lo portassero via, ma in realtà non abbiamo ancora niente di importante in mano.
Per fortuna, prima che l’atmosfera diventi troppo elettrica, con Milena che difende l’amore suo e Ilary che minaccia non so cosa, Paola inchioda davanti alla villa e le ragazze restano a bocca aperta.
“Non dirmi che questa è casa tua”, chiede con il fiato un po’ corto Ilary.
“Infatti non te lo dico, è di un’amica, qualche volta sono ospite”, e speriamo che Sara e Cristina abbiano avuto il buon gusto di chiudersi da qualche parte per scopare, come sospettiamo sia Paola che io, si siano addormentate nel sonno profondo che arriva dopo sufficiente sesso e restino fuori dai piedi fino a domani.

Annunci

2 Risposte to “874”

  1. atrasienesci agosto 29, 2014 a 1:13 am #

    Non smettere, di fare la puttana intendo…

    Risposta
    Insomma, comincia a diventare un po’ faticoso 😛

    • atrasienesci agosto 30, 2014 a 1:23 am #

      Per forza… se ti cacci nei guai e ti fai tirare dentro cose troppo grosse! Il tuo pubblico desidera racconti di avventure erotiche emozionanti, non spy stories che portino all’estinzione la voglia di esercitare il nobile mestiere. Riflettici. Ho l’impressione che le police women usino la tecnica del doppio gioco: da un lato ti coinvolgono con l’amicizia (ed il sesso), dall’altro ti strumentalizzano. Classico comportamento da sbirro.
      Con imperitura ammirazione… 😉
      A.

      Risposta:
      Ho dei debiti da pagare

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: