935

28 Ott

tumblr_mbf4e5ViAK1rvliijo1_1280Era una specie di catena di montaggio, il taylorismo applicato al sesso: Arja li preparava con la bocca, e poi usavano per il loro piacere i nostri culi.
Uno dopo l’altro ci incularono allegramente,

 

loro erano in quattro, noi in due, e non fosse stato per tutto quello che la aveva preceduta, sarebbe stata una passeggiata.
Io però avevo fame e sete, mi sentivo sporca da far schifo per il fango che mi era entrato dappertutto, e mi faceva male ogni parte del corpo, e non credevo che Milena, a dispetto della sua verde età, stesse meglio di me.
Io speravo solo che si sbrigassero, anche perché non potevo fare a meno di pensare a Fabrizia e Ilary, nude nella neve, ma la cosa durò a lungo, tra i grugniti dei cacciatori ed i lamenti miei e di Milena: oltre a tutto il resto, non erano abbastanza duri, dopo le tante scopate, e facevano male.
L’ultimo cacciatore si era appena staccato da me quando il frastuono di chiacchiere, risate e incitamenti, che aveva fatto da sottofondo venne sommerso dal rombo della jeep; quasi tirai un sospiro di sollievo, la scopata era finita.
Non erano finite le nostre fatiche: con l’aiuto di Pierluigi i cacciatori ci incatenarono alla jeep per i collari, poi presero posto a bordo e dovemmo di nuovo correre, stavolta su un velo di neve che rendeva tutto ancora più difficile, fino al castello.
Ilary e Fabrizia correvano e piangevano, Milena e Arja urlavano per la paura, io cercavo di risparmiare il fiato ma quando rischiai di cadere un grido scappò anche a me, e sentii la risata soddisfatta del pelato che davvero aveva ingaggiato con me una specie di duello.
Finalmente ci fermammo nel cortile ed i cacciatori, ridendo e chiacchierando – commentavano evidentemente le nostre fatiche – si infilarono quasi di corsa nel portone, verso luoghi più caldi e confortevoli, lasciando a Pierluigi il compito più ancillare di slegarci. Per qualche ragione ero rimasta per ultima con la catena ancora agganciata alla jeep, quando ricomparve l’occhialuto.
Con un gesto indicò al maggiordomo di portar via le altre prede e di lasciarmi lì; mi si avvicinò e mi contemplò da capo a piedi, poi si accese una sigaretta.
“Il mio amico”, disse sbuffandomi in faccia una boccata di fumo meravigliosamente calda ed aromatica, “è contento di averti spezzata anche questa volta, ti ha sentito lamentarti mentre ti inculava e si è accorto che hai gridato di paura quando sei incespicata”.
Altra boccata, mi girò attorno e mi si mise alle spalle.
“Ma tu mi devi ancora una penitenza, dall’altra volta, e questo mi sembra il momento giusto”.
Ci pensò sopra per qualche istante, o forse era solo per tenermi ancora di più sulla corda, lì sotto la neve.
“Mani dietro la nuca, piegamenti sulle ginocchia, e tieni il tempo”.
Per come mi sentivo, avrei voluto piangere ed implorarlo di evitarmi quest’altra prova, ma avevo capito i termini del gioco: si sarebbe goduto la mia umiliazione e poi mi avrebbe ugualmente costretto a farli, quei maledetti piegamenti, quindi preferii, di nuovo, risparmiare il fiato.
C’era un ‘altra trappola, nascosta in quell’ordine: se fossi caduta avrei rischiato di farmi molto male, la catena era corta ed io mi trovavo ad un passo dalla robusta carrozzeria della jeep; una ragione di più per stare attenta.
E mi piegai e poi mi rialzai, seguendo gli ordini dell’occhialuto, che dopo un po’ cominciò ad accelerare il ritmo; voleva che cadessi, o almeno voleva che lo implorassi. Bene, non avrei fatto nessuna delle due cose, accidenti a lui, ero disposta a fare ginnastica fino a che non fosse arrivata la primavera.
E infatti si stancò di stare lì in piedi prima di me, mi ordinò di fermarmi e mi liberò di persona dalla catena. Di più, a rischio di sporcare la sua bella giacca mimetica mi abbracciò e mi stampò un bacione sulle labbra prima di scortarmi delicatamente all’interno.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: