223

14 Nov

Carla, poi, non ha richiamato. Siamo per strada, davanti ad una elegante palazzina nel verde, tra Colli Portuensi e via del Casaletto, abbiamo legato la moto ed i caschi e prendiamo qualche minuto di respiro. Alla luce dei lampioni Aliena mi sembra un po’ pallida e molto giovane, si è legata i capelli in una coda di cavallo, le chiedo se è preoccupata ma risponde di no, si fida di me e la aiuterò. Forse vuol dire proteggerò, e spero che non ce ne sia bisogno, mi ricordo di Attilio e del suo calcione, frugo nervosamente nella borsetta e controllo se c’è tutto, preservativi, fazzolettini di carta, crema. Ammaestrata dall’ultima esperienza ho portato anche delle salviette detergenti
Siamo pronte, Aliena mi bacia e mi prende la mano, io chiamo Pino, e che la festa cominci.
Ultimo piano, attico e superattico, arredamento moderno ma economico tipo Ikea, chissà perché, anche qui un grande salone con due enormi divani, marmo in terra e neanche un tappeto, speriamo bene per le ginocchia e la schiena.
I clienti sono in jeans e maglietta, c’è un vassoio di tramezzini, un gigantesco schermo piatto alla parete sul quale scorrono le immagini di un film porno. Entro proprio sul primo piano di una bionda che spompina un enorme cazzo nero, e gli uomini si distraggono perché accanto a me c’è Aliena.
Pino ci ha aperto ed ha sgranato tanto d’occhi, si è presentato alla mia amica e quasi le è saltato addosso lì sulla soglia, adesso Aliena fa lo stesso effetto a tutti gli altri. Riconosco Lorenzo, lo saluto e lui mi risponde distrattamente, ha gli occhi fissi sul seno di Aliena. Un piccoletto calvo e con gli occhiali che le arriva a malapena alle tette si presenta come Attilio, ecco il tipo pericoloso, l’altro è il classico uomo medio e Pino dice che è la prima volta che si unisce a noi, si chiama Sergio.
Questi sono piuttosto ospitali, Lorenzo spegne la televisione, Pino ci invita ad accomodarci e ci offre i tramezzini, e da qualche parte, aggiunge, ci deve essere anche del prosecco, adesso lo apriamo.
Noi siamo digiune ma io dico no grazie ed Aliena si adegua, un po’ di appetito non ci ucciderà e preferisco restare a stomaco vuoto. Dico no grazie anche al prosecco, loro ne bevono un bicchiere, sembrano abbastanza tranquilli ma non si può mai dire, mi accorgo che Aliena è vigile come me.
Sergio vorrebbe fare conversazione, le chiede da dove viene e se al suo Paese sono tutte belle come lei; Aliena sorride diligentemente, senza rispondere.
Lorenzo invece mi chiede dove la tenevo nascosta, perché non l’ho portata ai Castelli con me, io rispondo che non la conoscevo ancora, se vuole possiamo combinare, adesso potrei anche ospitarlo, insomma lui ha il mio numero, si faccia sentire. Annuisce, ci pensa, dice che va bene.
Aliena si muove un po’, sembra che il seno voglia scappar fuori dalla giacca, mi viene voglia di lei e cerco di controllarmi, stavolta non posso permettermi di andare fuori di testa.
Pino ci porge due buste bianche, è il segnale, con questo smettiamo di essere due belle ragazze cui fare la corte e diventiamo le puttane che hanno affittato.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: